Tintura tessile

La tintura è l’operazione che permette di dare o cambiare colore a materiali per mezzo di un bagno, liquido in cui sono disciolti coloranti. Si applica a molti materiali come cuoio, pelli, legno, capelli, ma l’ambito più importante è quello che interessa le fibre tessili, i filati e i tessuti. La tintura può essere effettuata a diversi stadi della lavorazione della fibra: in fiocco, in filo, in tessuto (in corda o in largo), .

La TINTURA, operazione che cobra tutte le fibre componenti nella loro interezza e la STAMPA, tintura della parte superficiale di un supporto tessile . NEL SISTEMA MODA glossario a cura dell’Ing. Piero Di Girolamo con la collaborazione di:. Per lunghissimo tempo, le tinture tessili erano esclusivamente di origine “naturale”.

La preparazione di bagni di colore avveniva a partire da radici, arbusti e . In molti casi una fase del processo di tintura prevede l’uso di un mordente, cioè di una sostanza che tende a legarsi sia con la fibra tessile che con il colorante. Hennè naturale non modificato con picramato, si può usare per la caratteristica tintura dei capelli o anche per tingere fibre tessili.

La preparazione alla tintura di un tessuto a maglia può comprendere una o più. Industria tessile (fr. teinture; sp. tintura; tedesco Färberei; ingl. dyeing). Per tintura s’intende l’arte di dare a un supporto qualsiasi una colorazione regolare, . Chiaramente, così come la tintura con i coloranti naturali, anche la mordenzatura.

Tessile, arte e… metti un weekend a Prato da non perdere!